LA TRAGEDIA DI BLUE WHALE

Avrete sicuramente sentito parlare di Blue Whale, un gioco macabro nato nel 2013 che ha spinto al suicidio 157 ragazzini russi tra i 9 e i 17 anni. L’inventore del gioco, Philipp Budeikin, è un giovane studente di psicologia che propone 50 prove quotidiane, sempre più azzardate portando i giocatori, nella prova finale, al suicidio. Lui stesso si dichiara non pentito e avrebbe inventato il gioco per ripulire la società dagli scarti biologici: secondo la sua logica malsana gli esseri manipolabili che accettano di uccidersi non meritano di vivere.

LA BALENA FELICE: UN INNO ALLA VITA

La notizia è un cazzotto nello stomaco. Lascia impotenti e pieni di paura. Ma la vera politica sono le scelte e le azioni che facciamo ogni giorno e Gio Evan, poeta e performer contemporaneo, proprio stamattina, ha pubblicato una sfida che ha chiamato La Balena Felice che credo sia l’azione concreta più bella si possa intraprendere per disarmare il terrore.

ACCETTA LA SFIDA!

VIDEO GIORNO  N. 1 
VIDEO GIORNO N.2  
VIDEO GIORNO N.3
VIDEO GIORNO N.4
VIDEO GIORNO N. 5
VIDEO GIORNO N.6
VIDEO GIORNO N.7
VIDEO GIORNO N.8
VIDEO GIORNO N.9
VIDEO GIORNO N.10 – 11
VIDEO GIORNO N. 12
VIDEO GIORNO N. 13
VIDEO GIORNO N. 14
VIDEO GIORNO N. 15
VIDEO GIORNO N. 16
VIDEO GIORNO N. 17
VIDEO GIORNO N. 18
VIDEO GIORNO N. 19
VIDEO GIORNO N. 20

 

 

La Balena Felice è l’operazione che si incastra nel fianco di Blue Whale, è un percorso che – se accettato – ci ricorda che la vita è un gioco ma che siamo noi a scegliere il lieto fine o il dramma.

La felicità non è altro che una scelta e un modo di essere: Esprimendo la gioia di vivere con il nostro corpo, ballando, praticando la gratitudine, ridendo (la sfida del giorno numero 11 cita “ridi senza motivo per almeno 7 minuti *_* la mia amata risata incondizionata ), dedicando il nostro tempo a chi amiamo, staccandoci dalla vita virtuale e tornando a quella reale, riconnettendosi con la natura e con il nostro bambino interiore.

La Balena Felice è una sfida a essere felici, è il mondo come lo sogno, è il mondo che noi possiamo creare se solo ci mettiamo d’impegno, se cambiamo gli occhiali della paura e indossiamo quelli della possibilità. 

Ecco il testo integrale della sfida dalla pagina di Gio Evan:

Ho inventato un nuovo gioco, si chiama la Balena felice.
Vi prego di condividere il più possibile questo gioco e di iniziare a smuovere le energie in maniera positiva. Grazie.
Gio Evan

Il gioco dura 21 giorni

Regolamento

1) sorridi allo specchio, dì a te stesso che ti vuoi bene, che oggi sarà un giorno speciale, perché sei vivo.

2) lascia un caffè sospeso al bar dicendo che lo offre la balena felice.

3) guarda un tramonto con la persona che ami o con un tuo amico/a. Resta in silenzio almeno 5 minuti.

4) chiama tua madre, dille grazie per tutto quello che fa ogni giorno.

5) sorridi ad almeno 7 sconosciuti.

6) scrivi una poesia d’amore di almeno 30 parole e lasciala dentro la cassetta della posta di uno sconosciuto.

7) ascolta “la cura” di Battiato e “redemption song” di Bob Marley e leggi la traduzione.

8) fai una passeggiata senza telefono, pensa a te. Prenditi un appuntamento con te stesso di almeno un’ora.

9) chiama tuo padre, fagli uno scherzo simpatico, che lo faccia ridere, poi digli che gli vuoi bene.

10) stampa una foto dove sei con la tua famiglia e regalagliela.

11) ridi senza motivo almeno 7 minuti

12) trova un albero che ti piaccia e abbraccialo. da oggi questo albero è tuo amico, torna a trovarlo ogni tanto.

13) scrivi su un foglio 10 cose per cui sei profondamente grato e usalo come segnalibro.

14) compra un fiore e regalalo a chi vuoi.

15) inizia a parlare con un bambino. Ascoltalo.

16) balla per almeno 10 minuti

17) invita a cena i tuoi amici. non bevete alcolici e non usate il cellulare (ma prima scattatevi una foto)

18) dì grazie almeno 100 volte ad alta voce come un mantra.

19) canta la tua canzone preferita vicino a un fiume o al mare.

20) chiedi scusa a chi hai fatto un torto.

21) sii felice oggi, sii felice sempre. la vita è bellissima.

#labalenafelice

UN VIAGGIO DI 21 GIORNI INSIEME

Condividi questo inno alla vita e comincia la sfida insieme a me. Ogni giorno pubblicherò un breve video sulla mia pagina Lucia Berdini Coach di Risate per accompagnarci insieme in questo viaggio di 21 giorni. 

Primo giorno – Video 

Quando compi una delle azioni quotidiane della sfida, pubblica sui social e metti l’ashtag #labalenafelice 

 

Teacher di Yoga della Risata, mamma, blogger e vorace lettrice. Sto diffondendo la risata e il gioco, strumenti semplicissimi e potenti, per aiutare più persone possibile a liberare il proprio potenziale, riprendere in mano il bambino interiore e vivere una vita al massimo delle proprie capacità. Vivo a Monte San Giusto, la città del sorriso, nelle Marche.

La Balena Felice vs the Blue Whale : accetta la sfida di Gio Evan
Tags:             

15 pensieri su “La Balena Felice vs the Blue Whale : accetta la sfida di Gio Evan

  • 18 maggio 2017 alle 7:14
    Permalink

    Interessante l’articolo complimenti e buona continuazione di vita.

    Rispondi
  • 18 maggio 2017 alle 9:18
    Permalink

    Grazie…..per me, per i miei figli, per i miei genitori, per i miei amici, per tutte le persone che non conosco. Grazie per questo splendido gioco. La vita è un regalo meraviglioso che va gustata e affrontata con gioia. Ancora grazie

    Rispondi
    • 18 maggio 2017 alle 11:58
      Permalink

      Grazie a te Barbara. E’ vero, la vita è un dono meraviglioso e la diamo quasi ogni giorno per scontata! BUona sfida 🙂

      Rispondi
  • 18 maggio 2017 alle 21:14
    Permalink

    Ma poi quel caffè… lo offrite davvero? 🤔

    Rispondi
    • 19 maggio 2017 alle 10:31
      Permalink

      Certo 🙂 se vai nel mio profilo a breve trovi una foto del caffè della balena felice! Ad ogni modo è una scelta di ognuno se fare o non fare un gesto. La volontà è quella di trasformare le persone da dentro, di portare un po’ di consapevolezza, non di essere sensazionalisti 🙂

      Rispondi
  • 19 maggio 2017 alle 1:27
    Permalink

    A me questa notizia pare inventata di sana pianta e scritta da un giornalaio.

    L’ipotetico gioco che istigherebbe i partecipanti al suicidio consisterebbe nella “sveglia alle ore 4 del mattino, poi maratone di film dell’orrore, allo scopo di destabilizzare emotivamente”

    Mi pare di capire che il giornalaio voglia lanciare un messaggio: “Se vi alzate presto e guardate film horror morirete, mentre se vi alzate alle 14:00, state tutto il giorno a poltrire, e naturalmente dopo un genuino pranzo a base di porcherie che l’UE vi fa mangiare, vi spaparanzate sul divano con la TV accesa, rigorosamente sintonizzata su Canale 5 dove Maria De Filippi da 20 anni vi mostra ogni pomeriggio figuranti parlanti che si esternano odio reciproco, comportamenti antisociali e ogni altra meschinità e bassezza dell’essere umano, sarete sani come pesci …e soprattutto omologati come vogliamo noi”

    Poi se la fonte è “Le Iene” stendiamo un velo pietoso

    Seby Midolo

    Rispondi
    • 19 maggio 2017 alle 10:34
      Permalink

      Cara Seby, ho letto proprio stamattina un articolo davvero ben scritto che spiega bene come la notizia di Blue Whale sia stata strumentalizzata. Mi sono detta che il gioco della Balena Felice continua ad avere senso, anzi forse ne ha ancora di più, perché è un’azione che va a colpire le notizie drammatiche a ogni costo, la negatività che imperversa e la passività della gente. La Balena Felice mette in moto, crea consapevolezza e genera bellezza.

      Rispondi
  • 19 maggio 2017 alle 9:46
    Permalink

    Complimenti Lucia, the Blue whale ha lasciato tanto sconcerto nell’opinione pubblica. Mo auguro che la tua e tante altre iniziative come questa vengano diffuse e condivise. Sorridiamo alla vita!

    Rispondi
  • 19 maggio 2017 alle 11:58
    Permalink

    Grazie Lucia per questa magnifica iniziativa!!!!!

    Rispondi
    • 19 maggio 2017 alle 12:42
      Permalink

      <3 Grazie a Gio Evan che l'ha lanciata e a tutti noi che stiamo giocando!

      Rispondi
  • 19 maggio 2017 alle 22:24
    Permalink

    Secondo me questa e una bellissima idea e spero che tra un po di tempo lo sappiano più persone .
    Complimenti

    Rispondi
  • Pingback: Alziamo la voce… e mettiamoci a cantare – I tik di Mammapancia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *