Ciao!

Lucia Berdini

Sfondo-Bianco(8)Lucia Berdini è Teacher di Yoga della Risata e si sta formando per diventare Tecnico in Ludicità Consapevole. Da un decennio si interessa al teatro, all’uso della voce, al benessere olistico e alla scoperta del proprio clown, frequentando vari stage che le fanno comprendere quanto le stia a cuore l’espressione del proprio bambino interiore. Dopo due anni di maternità ad alto contatto torna in lei la voglia di mettersi in gioco e incontra felicemente lo Yoga della Risata. Dopo un anno di Club della Risata, progetti nelle scuole, sessioni in ogni dove e vari coaching one on one di risata, decide di diventare formatrice perché desidera fortemente che il maggior numero di persone possa conoscere questa disciplina meravigliosa, che ha trasformato la sua vita e quella di tantissime altre persone intorno a lei.
Studia e si informa il più possibile, si appassiona al Gioco come strumento di formazione del gruppo ed elemento imprescindibile dello Yoga della Risata.

Tiene corsi di formazione sullo Yoga della Risata e il gioco in tutta Italia, conduce un club della risata ogni mattina e uno settimanale il mercoledì sera (foto). In questi due anni ha portato avanti vari progetti sperimentando il gioco e la risata con i bambini, gli adolescenti, adulti, disabili, nelle aziende e nei coaching di risata one on one.


Da piccola ero (non troppo) convinta che sarei diventata un’attrice, ero puntualmente considerata il maschiaccio della classe e passavo le estati a leggere o arrampicata su un albero. Fin quando dalla campagna ci siamo trasferiti in centro e ho cominciato a interessarmi al mondo di fuori.

Mi sono laureata in Lettere Musica e Spettacolo (senza lode) a Macerata, vissuto in Spagna per sei mesi, fatto l’artista di strada a Barcellona e viaggiato in Europa e poi, dopo la laurea… Londra, Slovacchia, Francia, Umbria e di nuovo Marche.
In mezzo a tutto questo  ho frequentato vari workshop con grandi clown europei (Johnny Melville, Emmanuel Gallot Lavallé, André Casaca, Rossella Bergo). Grazie a loro – e a qualcosa che si muoveva nella pancia ogni volta che andavo a toccare le mie corde clown – ho capito che il mio bambino interiore scalpitava per venire fuori e mi sono resa conto che riuscivo a essere davvero me stessa soprattutto quando ero nel “gioco”.

Nel frattempo e dopo varie peripezie mi trovo con un bambino nella pancia e tra gioia, stupore e un po’ di paura sono costretta a rallentare i miei tempi proverbialmente adrenalinici. Passano così due anni “quieti” e di incubazione, durante i quali i miei sogni cominciano dolcemente a lievitare mentre io imparo a fare la mamma. Tette perennemente al vento e fascia sempre in borsa.

L’INCONTRO CON LO YOGA DELLA RISATA

Quando Noa ha qualche mese di vita frequento la mia prima sessione di Yoga della Risata ed è subito amore. Sblocco potentemente la mia risata e mi rendo conto della forza di questo strumento semplicissimo. Per due anni quel semino se ne resta lì, buono, a preparare il terreno, fin quando – dopo aver scritto un paio di articoli sul potere della risata – mi dico che è ora di provarci davvero e decido di frequentare il Laughter Yoga Leader Training a Macerata. È il Luglio 2015  e durante il training non riesco immediatamente a ricontattare la risata che due anni prima mi aveva folgorato, in mezzo c’erano stati tanti eventi, non tutti felici, che avevano ispessito la mia corazza ma… dopo un grande pianto liberatorio ho cominciato a ridere di cuore. Quel giorno ho capito che non avrei più smesso e che la risata era un grande atto d’amore soprattutto verso me stessa.

Quando ero un’adolescente un po’ burlona e un po’ insicura, quando ho cominciato a giocare con la bambina che è in me, se mi avessero detto che il mio mestiere sarebbe stato di giocare, ridere e aiutare gli altri a riscoprire la loro risata non lo avrei mai creduto possibile. E invece eccomi qui 🙂

Se vuoi possiamo conoscerci, stringerci in un abbraccio che ride e giocare insieme 😉 Qui puoi trovare le mie prossime date <3